You are here

Dicono di noi

Enel secondo i media

Enel monitora costantemente la percezione del Gruppo sulla stampa, radio, tv e web locale, nazionale e internazionale, sia generalista sia specializzata. L’atteggiamento nei rapporti con la stampa nazionale e internazionale è da sempre aperto e positivo, una modalità ampiamente riconosciuta dai cronisti. Tra gli aspetti maggiormente valorizzati come positivi dai media nazionali e internazionali vi sono stati la presentazione della nuova identity e del nuovo brand del Gruppo, il Programma Futur-e per la riqualificazione delle centrali non più efficienti, il progetto per la diffusione della banda larga, le attività legate alle energie rinnovabili e gli accordi per la mobilità elettrica.
Dal punto di vista dei media nazionali, grande rilevanza è stata data ai temi sopra descritti, mentre le testate economiche hanno seguito con interesse le varie fasi del processo di riorganizzazione societaria con l’integrazione di Enel Green Power e il riassetto delle società del Gruppo in America Latina. Sul fronte dell’innovazione e della sostenibilità si segnalano il Programma europeo INCENSe, dedicato alle startup, l’apertura dell’innovation hub a Tel Aviv e il Programma My Best Failure, dedicato allo scambio di esperienze tra le persone di Enel. Sono state effettuate attività mirate su media e testate specializzate per valorizzare la sostenibilità come parte integrante del business, i suoi risvolti finanziari e gli impegni sui quattro Sustainable Development Goal dell’ONU; a ciò si aggiungono i riconoscimenti ottenuti in termini di trasparenza e accuratezza da parte del Global Reporting Initiative (GRI) e del Global Compact delle Nazioni Unite. Rilievo è stato inoltre dato al Progetto Fare Scuola di Enel Cuore Onlus.

Le attività legate alle energie rinnovabili (costruzione ed esercizio di nuovi impianti, gare pubbliche in Messico, Perù e Marocco) e le offerte e i servizi per il mercato italiano (e-goodlife, il kit di dispositivi per il controllo e la gestione della casa, l’offerta e-go All Inclusive) sono state oggetto di interesse dei media.
La stampa nazionale ha rivolto la sua attenzione anche alle sanzioni relative alle attività sul mercato da parte dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI). A questi elementi si aggiungono, in Italia, le tematiche sulla qualità del servizio, truffe di falsi addetti, ‘maxibollette’ e blackout sulla stampa locale.

Sulla stampa internazionale hanno avuto una significativa e positiva copertura le partecipazioni e gli interventi dell’Amministratore Delegato al World Economic Forum di Davos, alla sessione di apertura del Global Compact Leader Summit 2016 dell’ONU a New York e al World Economic Forum sull’America Latina tenutosi a Medellín, Colombia. Positivo riscontro hanno ottenuto la partecipazione al Bloomberg New Energy Finance Future of Energy Summit a Londra e alla conferenza Energy for Tomorrow del New York Times a Parigi, nonché la cerimonia di apertura alla Borsa di New York in occasione dell’avvio della quotazione di Enel Américas. A questo proposito, la conclusione del processo di riorganizzazione societaria degli asset latinoamericani del Gruppo è stato un tema di interesse per la stampa internazionale, così come il positivo completamento di altre operazioni previste dal Piano Strategico (l’integrazione di Enel Green Power, la cessione della società HDE, degli asset upstream gas italiani, della centrale CCGT belga Marcinelle, e la finalizzazione della cessione della prima tranche di Slovenské elektrárne). L’impegno di Enel nelle rinnovabili e nel campo dell’innovazione rappresenta un tema di grande interesse per la stampa estera.
In Spagna, l’incertezza politica che ha caratterizzato il Paese durante l’anno ha reso necessario un costante monitoraggio, soprattutto per l’impatto sulle decisioni rispetto ai piani di aiuto al carbone nazionale utilizzato da centrali termiche e sul futuro dell’impianto nucleare di Garoña. In Cile, le varie fasi del processo di riorganizzazione societaria degli asset latinoamericani del Gruppo sono state costantemente seguite dalla stampa, rappresentando un tema di attenzione soprattutto per via dell’opposizione di alcuni azionisti minoritari al processo e dei dubbi circa le opportunità di crescita e investimento per Enel Generación Chile. In Argentina la revisione delle tariffe elettriche con conseguenti incrementi dei costi per i consumatori è stata seguita attentamente. In Russia, una criticità è stata l’interruzione in agosto delle operazioni presso la centrale di Reftinskaya dovuta a un malfunzionamento tecnico.

Brand equity e strategia digitale

Una profonda riorganizzazione aziendale e una nuova strategia industriale hanno visto all’inizio del 2016 il lancio del nuovo brand di Enel, dinamico, aperto e che racconta i profondi cambiamenti all’interno e all’esterno dell’azienda. Sono stati lanciati i nuovi brand di Enel e delle sue controllate Enel Green Power ed Endesa, e avviato il processo di rebranding globale nei Paesi in cui opera, passando da più di venti brand a soli tre. La conoscenza e la diffusione del nuovo logo avvengono attraverso le attività commerciali e di promozione dello sport e della cultura che da sempre contraddistinguono Enel.

Formula E

Nel maggio del 2016, Enel è diventata Official Power Partner di Formula E, primo campionato automobilistico delle monoposto elettriche e iniziativa di change management globale per promuovere la mobilità sostenibile. Enel aiuterà Formula E a diventare l’evento più avanzato dal punto di vista energetico a livello globale, dimostrando che anche il settore del motorsport può e, anzi, deve evolvere verso un’energia più sostenibile. L’accordo prevede infatti non solo una tradizionale sponsorizzazione, ma anche una dimensione industriale: il Gruppo fornirà infatti a Formula E le tecnologie e le soluzioni più avanzate tipiche di una smart grid, permettendo quindi una gestione dell’energia più efficiente e in linea con i princEnel ha deciso di avviare un progetto di ridefinizione delle metodologie di analisi della brand equity e dell’immagine dei marchi a livello globale, al fine di conoscere e comprendere sempre di più i propri consumatori. Le principali attività riguardano il monitoraggio periodico della presenza delle aziende del Gruppo nei media (giornali e audiovisivi, radio, TV e media online), la misurazione dell’immagine percepita analizzando le caratteristiche del marchio e la loro evoluzione nel tempo, nonché l’analisi di tematiche specifiche legate al marchio stesso. Nel 2016 è stata anche lanciata la nuova identità digitale globale che ha portato alla ristrutturazione e omogeneizzazione dei siti istituzionali delle principali società del Gruppo e alla razionalizzazione e focalizzazione dei punti di contatto con gli stakeholder. Oltre al nuovo sito www.enel.com, realizzato con un approccio “user centric”, fornito di informazioni utili e nell’ottica di essere accessibile da qualsiasi device mobile (come smartphone e tablet), il passo successivo è stato replicare il modello in tutto il network di siti web del gruppo: sono stati lanciati altri 12 nuovi siti, esempio tangibile della nuova identità Open Power. In particolare, i principali progetti di sostenibilità e innovazione sono riportati nella sezione “storie” del sito www.enel.com, mentre i dati relativi alle informazioni non finanziarie e all’analisi delle priorità sono presenti nella sezione “investitori”ípi della sostenibilità.
In tal senso, Enel lavorerà con Formula E per compensare e ridurre progressivamente le emissioni di CO2 generate dal campionato, con l’obiettivo di rendere l’intero evento carbon neutral. Questa partnership dimostra l’impegno di Enel a usare il suo business model sostenibile per aiutare ad affrontare alcune delle più grandi sfide del mondo.

Enel ha deciso di avviare un progetto di ridefinizione delle metodologie di analisi della brand equity e dell’immagine dei marchi a livello globale, al fine di conoscere e comprendere sempre di più i propri consumatori. Le principali attività riguardano il monitoraggio periodico della presenza delle aziende del Gruppo nei media (giornali e audiovisivi, radio, TV e media online), la misurazione dell’immagine percepita analizzando le caratteristiche del marchio e la loro evoluzione nel tempo, nonché l’analisi di tematiche specifiche legate al marchio stesso.

Nel 2016 è stata anche lanciata la nuova identità digitale globale che ha portato alla ristrutturazione e omogeneizzazione dei siti istituzionali delle principali società del Gruppo e alla razionalizzazione e focalizzazione dei punti di contatto con gli stakeholder. Oltre al nuovo sito www.enel.com, realizzato con un approccio “user centric”, fornito di informazioni utili e nell’ottica di essere accessibile da qualsiasi device mobile (come smartphone e tablet), il passo successivo è stato replicare il modello in tutto il network di siti web del gruppo: sono stati lanciati altri 12 nuovi siti, esempio tangibile della nuova identità Open Power. In particolare, i principali progetti di sostenibilità e innovazione sono riportati nella sezione “storie” del sito www.enel.com, mentre i dati relativi alle informazioni non finanziarie e all’analisi delle priorità sono presenti nella sezione “investitori”.

* Impression: rappresenta il numero di volte che una pagina web o un banner viene visualizzato dagli utenti internet.
** Interazioni: rappresenta il numero di volte in cui un utente ha interagito attraverso un commento, una condivisione, un click, o un “Mi piace”.

Premi e riconoscimenti

Enel si è aggiudicata il Platts Global Energy Award (GEA) nella categoria Industry Leadership - Energia. Il premio riconosce il posizionamento proattivo del Gruppo a favore dell’inclusione dei cambiamenti del settore energetico nel proprio Piano Strategico e la sua leadership in materia di innovazione e sostenibilità.

Il parco eolico di Enel da 200 MW di Dominica, in Messico, ha vinto l’Infrastructure 360º Award nella categoria “Clima e ambiente”. Il riconoscimento, assegnato dalla Banca Interamericana di Sviluppo (IDB), premia ogni anno i progetti privati che contribuiscono maggiormente alla creazione di un sistema infrastrutturale sostenibile in America Latina.

Enel Distribuição Ceará è stata selezionata come la migliore società di distribuzione di energia in Brasile per la sesta volta dall’associazione dei distributori di energia (Abradee). La società ha anche vinto il primo posto nella categoria dedicata alla Responsabilità Sociale d’Impresa.

Enel vince il premio WAIA 2016 per l’innovazione. Enel ha ottenuto il primo posto tra le aziende della categoria “big company”. Particolarmente apprezzato è risultato il notevole sforzo di sostegno alle energie rinnovabili e alla digitalizzazione, evidenziato nel Piano Strategico 2017-2019 presentato a Londra. La larga diffusione di contatori intelligenti, controllo da remoto e connettività di sistema si è rivelata il punto forte dell’offerta Enel, capace di muoversi con grande equilibrio sia sulle reti sia nel retail.

L’Electric Power Research Institute (EPRI) ha premiato con i Technology Transfer Award 2016 due progetti di Endesa sviluppati in Spagna e un terzo progetto del Gruppo. Attraverso questi premi, l’EPRI riconosce leader e innovatori del settore elettrico che sono stati in grado di trasformare la ricerca e lo sviluppo tecnologico in applicazioni pratiche, contribuendo a una produzione elettrica più affidabile, efficiente, competitiva e responsabile dal punto vista ambientale. I progetti riguardano lo sviluppo nella centrale termoelettrica di As Pontes di un software in grado di monitorare in tempo reale la vita rimanente dei componenti di pezzi critici (per esempio, una caldaia), l’analisi dell’impatto nella rete elettrica, nei sistemi delle isole, di un alto livello di generazione distribuita, in questo caso di origine fotovoltaica e, infine, il Progetto Advanced Distribution Management Systems Assessment (valutazione avanzata dei sistemi di gestione per la distribuzione d’energia).