You are here

Sicurezza nei processi di appalto

La sicurezza è fortemente integrata nei processi di appalto, ed Enel segue puntualmente le proprie imprese, monitorandone le performance sia in fase preventiva, tramite il sistema di qualificazione, sia in fase di esecuzione del contratto, attraverso numerosi processi di controllo.
Nelle Condizioni Generali di Contratto, valide per tutto il Gruppo Enel, sono incluse clausole dedicate alla salute e sicurezza. Nel 2016 è stato completato il processo di revisione del sistema di qualificazione e selezione dei fornitori. Il nuovo modello, comune per tutte le Linee di Business del Gruppo, prevede regole di selezione delle imprese ancora più severe sulla base delle performance H&S. Per ciò che concerne il monitoraggio delle attività durante l’esecuzione del contratto, il sistema di Vendor Rating è un processo consolidato. Le performance H&S sono misurate attraverso un indice specifico e, dal 2015, l’applicazione di un modello globale sull’indice di Vendor Rating permette di considerare anche l’impatto a seguito di infortuni rilevanti occorsi a personale di imprese appaltatrici.

Tutte le imprese che lavorano con il Gruppo Enel devono condividerne gli standard in termini di salute e sicurezza. Per questo motivo, le ditte appaltatrici sono coinvolte in molte iniziative volte a promuovere la cultura della sicurezza. In questa prospettiva, nel 2016 è stato organizzato, in Italia, il “Safety Personalized Plan - Contractors”, un incontro con un gruppo di appaltatori che operano per più di una Linea di Business e sui gruppi merce con un impatto significativo sulla sicurezza, al fine di condividere un impegno comune nella realizzazione delle azioni di miglioramento individuate. Nel 2016 è proseguita l’attività di ispezione e controllo in campo dei lavori affidati alle ditte appaltatrici, e nel corso dell’anno in tutto il Gruppo sono stati effettuati oltre 250mila controlli.
Nel 2016 gli Extra Checking on Site (ECoS) sono aumentati del 56% rispetto al 2015, con 219 ECoS realizzati (a fronte dei 98 pianificati). Gli ECoS hanno lo scopo di valutare l’adeguatezza dell’organizzazione, del coinvolgimento e dei processi messi in atto in una determinata area operativa. Tali controlli sono effettuati da personale esperto HSEQ esterno alle unità operative interessate dall’indagine, affiancato da profili tecnici specifici del business, e consentono di definire azioni di tipo correttivo in ottica preventiva, adeguatamente monitorate.

SDG di riferimento: 
Principali azioniTarget
Extra Checking on Site (ECoS) - pianicati (n.)120 nel 2020
Programmi globali di sensibilizzazione su prevenzione e promozione della salute (n.)17 nel periodo 2017-2020
Ulteriore riduzione del tasso combinato di infortuni (LTIFR) e di assenza dal lavoro (LDR)
Integrazione della sicurezza in policy, processi e procedure 
Iniziative dedicate per rafforzare la consapevolezza e l’impegno di dipendenti e appaltatori su salute e sicurezza e promozione della cultura della sicurezza
Miglioramento continuo dei controlli sulla sicurezza e delle ispezioni “on site” e indagine su tutti gli incidenti e i “near miss” rilevanti, con individuazione delle misure preventive e correttive
Piano di Sostenibilità 2017-2019